Iscriviti alla Newsletter di MenteSociale!

Email

Il tuo nome:


Disturbi dell'eccitazione

Difficoltà di erezione, frigidità

 

lettera DBuonasera Dr.ssa,
io ho 19 anni e da quasi un mese mi sto frequentando una ragazza di 29 anni. Le circostanze a dir la verità sono un pò singolari, lei è cameriera e lavora nel ristorante di mio padre. Stiamo vivendo tutto molto di nascosto e abbiamo avuto un pò difficoltà all'inizio anche solo per baciarci la prima volta, ma questo siamo riusciti a superarlo. Io ho gia avuto altri rapporti in passato e non ho mai avuto problemi ma è la prima volta che esco con una ragazza piu grande di me. Il problema è che quelle poche volte che abbiamo provato a fare l'amore non sono riuscito ad avere un'erezione. Lei mi piace, fin troppo e c'è un'attrazione tra noi 2 che è favolosa ma quando poi c'è da passare ai fatti non si conclude mai niente. Io capisco la prima volta, l'ansia, l'emozione ma ieri e stata la quarta volta che abbiamo provato e non sono riuscito ad avere un'erezione. Voglio essere sincero... all'inizio doveva essere solo una storia di sesso poi abbiamo iniziato ad uscire sempre insieme e proprio ieri è finita perche mi sono sentito dire che gia la situazione che dovevamo fare tutto di nascosto era pesante e in piu se non riuscivamo neanche fare sesso non aveva senso continuare. Ci sono altri mille particolari da dover spiegare ma non finirei piu... io vorrei riprovarci e anche se sembrera strano ma lei ha un debole per me quindi penso che volendo ci riproverebbe ma se poi salta fuori lo stesso problema dell'erezione, ripartirei di nuovo da capo! orrei capire il mio problema, la prego, mi aiuti, mi dia un consiglio...
(Riccardo)

 

Risponde la dr.ssa Laura Catalli
lettera RRacconti di aver avuto delle difficoltà "all'inizio", ma non è chiaro che tipo di difficoltà e come mai. Vivere una relazione di nascosto può generare ansia e difficoltà anche sessuali proprio perchè non ci si abbandona completamente, non ci si sente totalmente a proprio agio nella situazione ed ecco quindi la difficoltà di erezione. Aggiungiamo anche che la differenza di età,  il coinvolgimento emotivo e la paura che la mancata erezione si ripresenti, possono influire negativamente sul problema, aumentando notevolmente l'ansia ed il rischio conseguente di non riuscire ad avere un rapporto sessuale soddisfacente. Se senti di non riuscire ad affrontare il problema da solo, ti suggerisco di condividere le tue paure ed insicurezze con uno Psicologo che può aiutarti a capire meglio come muoverti e ritrovare la giusta serenità che può servirti a riproporti a questa ragazza.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

lettera DBuongiorno dr.ssa, ho 20 anni e da poco frequento un ragazzo di 32. Lui in precedenza ha avuto una storia con una donna di 8 anni più grande che prendeva la pillola. Da qualche mese abbiamo rapporti, ma appena mette il preservativo non riesce più a terminare il rapporto e a eccitarsi;io,le premetto che non uso la pillola. Da cosa può essere causato questo problema? Mi consiglia di adottare la pillola o può essere solo un suo problema? La saluto cordialmente e la ringrazio per la sua disponibilità. (Letizia)

 

Risponde la dr.ssa Laura Catalli
lettera RIn quello che viene descritto, si fa riferimento ad una precedente relazione, ma non viene esplicitato se il tuo ragazzo anche in quella situazione non riusciva a mantenere l'erezione e di conseguenza "concludere" il rapporto sessuale. Purtroppo ho poche informazioni per darti un aiuto specifico in quanto la problematica riscontrata può dipendere da una prularità di fattori: individuali (cioè appartenenti a chi accusa il problema), di coppia, situazionali (cioè legati a elementi specifici del contesto in cui il problema si verifica), ecc. L'utilizzo di un contraccettivo permette spesso di vivere la sessualità in modo sereno e questo potrebbe avere influito nella possibilità per il tuo ragazzo di coinvolgersi completamente; è anche vero che si dovrebbe avere un rapporto sessuale soddisfacente a prescindere dal contraccettivo utilizzato! Prova innanzi tutto a parlare con lui, a confrontarvi sull'accaduto. Una possibilità potrebbe essere quella di rivolgervi ad un sessuologo di coppia che può aiutarvi a capire meglio ed affrontare efficacemente la problematica. Sarebbe opportuno infine, una visita andrologica per assicurarsi che non vi siano delle cause organiche o mediche all'origine della sua difficoltà a mantenere l'erezione.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

lettera DBuonasera! Da qualche mese frequento un ragazzo che da bambino ha subito abusi sessuali (è tutt'ora in terapia), trova quindi difficoltà ad avere un rapporto completo... cosa posso fare io per non fargli avvertire paura, tensione? So che non dipende (o non solo) da me, ma vorrei fare qualcosa per tranquillizzarlo e dargli una mano a superare questa situazione. Molte grazie (Anna)

 

Risponde la dr.ssa Laura Catalli
lettera RComunica a questo ragazzo le tue paure ed il tuo desiderio di aiutarlo, dopo di che, dato che sta seguendo un percorso psicologico, attendi i suoi tempi per ritrovare il benessere e superare le sue difficoltà. In aggiunta, puoi valutare la possibilità di parlarne con lo specialista che lo ha in terapia, potresti aiutarlo anche in questo modo.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Vuoi chiedere aiuto?

psicoterapia banner

SPORTELLO PSICOLOGICO GRATUITO

MenteSociale

studio mix

MenteSociale è una associazione di promozione sociale (CF: 97992540589)

Indirizzo dello studio:
Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 5, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI PER CHIEDERE INFO O PRENOTARE UN APPUNTAMENTO:
lun, mer, gio, ven ore 10.00-13.00; mar ore 17.00-20.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.