Stampa
Categoria principale: Articoli
Categoria: Pillole di Film
Visite: 3193

{tab=Recensione}
locandinaBarbagli, Santodio, Freghieri, Pini e Fecchia: è il manipolo di cinque eroi che in piena epoca fascista si è lanciato all'assalto di Marte, sostenendo la necessità dell'Italia di espandersi anche in verticale. La loro impresa è stata documentata dai cinegiornali dell'epoca, la cui testimonianza è oggi dimostrazione del coraggio e del valore del gruppo di conquistatori. Con Fascisti su Marte, Corrado Guzzanti trasferisce dalla tv al cinema gli sketch che segnarono, nel 2002, il successo della trasmissione Il caso Scafroglia, assicurando la stessa dose di divertimento e riflessione, con una satira pungente che a tratti sfiora livelli assolutamente geniali (vedi la sequenza del celebre monolite kubrickiano, o l'esilarante guerra contro delle pietre scambiate per alieni ostili). A fronte di questo, però, il risultato finale non convince, essendo il prodotto inadatto allo schermo cinematografico, perché concepito per una durata più breve e per delle gag da diluire in più puntate: così, la continua voce fuori campo alla lunga diventa fastidiosa, la narrazione, con situazioni ripetitive, si fa pedante e noiosa, mentre la trama rimane per tutto il tempo esile, con un ritmo blando, diversi momenti morti e vuoti di sceneggiatura. Si può solo riconoscere al film il merito di aver saputo rispolverare l'ironia e l’atmosfera del precedente televisivo, con lo stesso tipo di satira, che, mirata questa volta a dare una visione più globale di quello che è stato il fascismo, con le sue ideologie e totalitarismi, innesca inevitabili parallelismi con la nostra realtà contemporanea. Da riconsegnare alla televisione.

vota_star_20
{tab=Scheda tecnica}
Regista: C. Guzzanti
Anno di produzione: 2006
Produzione: Italia
Durata: 100 minuti

{tab=Curiosità}

Non ci sono curiosità

{tab=Riconoscimenti}
Non ci sono riconoscimenti

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.