Iscriviti alla Newsletter di MenteSociale!

Email

Il tuo nome:


{tab=Recensione}
locandinaNel 1977, un anno dopo il colpo di stato che ha portato la dittature fascista in Argentina, un gruppo appartenente ai servizi segreti sud-americani, impegnato nella lotta contro le libertà democratiche, rapisce Claudio Tamburrini, promettente portiere di una squadra di calcio di serie B, e lo trasferisce in un centro di detenzione clandestino dove viene torturato perché ritenuto in possesso di informazioni su un gruppo di sovversivi. Cronaca di una fuga è proprio il racconto, che mischia cinema e documentario, dei centoventi giorni di prigionia, finiti con il tentativo disperato di evasione da parte del protagonista e di altri uomini. Saggiamente, il regista evita di mostrare fino in fondo le terribili torture messe in atto dai sequestratori, evitando così il rischio di far scadere la denuncia sociale in una banale e sadico spettacolo di inaudite violenze. Lo spettatore viene invece letteralmente sbattuto tra le umide mura consumate di stanze vuote, all’interno di taciti corridoi nei quali la macchina da presa penetra in profondità, fino a farci respirare l’aria marcia del luogo e l’odore fetido di corpi sudici e malnutriti, tenuti in spaventose condizioni. Ne emerge in questo modo un veritiero (seppur visionario) ritratto dell’inferno, fatto di sensazioni, di suoni e rumori gravi e alienanti, di atmosfere soffocanti e claustrofobiche. Cronaca di una fuga è la rappresentazione della follia nascosta sotto l’idillica immagine superficiale che il mondo e l’essere umano mostra di se stesso (vedi le immagini esterne della villa dove sono rinchiusi i prigionieri), un percorso dentro un’oscurità senza ritorno, dove ogni giorno rischiamo di precipitare e di cui il mondo rimane ignaro o forse volontariamente inconsapevole.

vota_star_40
{tab=Scheda tecnica}
Regista: I. A. Caetano
Anno di produzione: 2006
Produzione: Argentina
Durata: 103 minuti

{tab=Curiosità}

Non ci sono curiosità

{tab=Riconoscimenti}
Non ci sono riconoscimenti

Pin It

Per contattarci o venirci a trovare...

MenteSociale è un ente del terzo settore (CF: 97992540589) e ci occupiamo del benessere psicologico della persona, la coppia, la famiglia
Indirizzo dello studio: Ci troviamo a Roma, nel quartiere di Centocelle, in Via dei Castani 170
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 5, numerose linee di bus
Email:
info@mentesociale.it  Telefono: 0664014427

ideaAttenzione! Per accedere ai servizi online (es. sportello psicologico o legale, colloquio psicologico o psicoterapia) è necessario prendere una appuntamento. Puoi farlo mandandoci una email o chiamandoci in studio nei seguenti orari: lun-mar-mer-ven dalle 10.00 alle 13.00

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.