Stampa
Categoria principale: Articoli
Categoria: Pillole di Film
Visite: 2857

{tab=Recensione}
locandinaIspirato ad eventi realmente accaduti, il nuovo film di Paul Verhoeven è stato accolto alla Mostra del Cinema di Venezia, in anteprima mondiale assoluta, con lunghi quanto meritati applausi a seguito della sequenza finale, metaforica di una guerra senza fine e senza vincitori. Carice van Houten, brillante e camaleontica, interpreta Rachel Steinn, una provocante soubrette ebrea costretta a fuggire dalla Germania nazista. Straziata dal massacro dei familiari davanti ai suoi occhi e assetata di vendetta, dopo rocambolesche peripezie riesce a rifugiarsi in Olanda e assumere una nuova identità, grazie all’aiuto di esponenti della resistenza di cui diventa presto alleata.
Il padre di Basic Instinct e L’Uomo senz’ombra torna dietro la macchina da presa per girare, nella natia Olanda, un thriller saturo d’azione alla cui sceneggiatura ha lavorato per vent’anni, insieme a Gerard Soeteman: una torbida spirale di sospetti ed equivoci, intrighi e inseguimenti, in un gioco delle parti che si attua a prezzo di vite umane. Colpi di scena in rapida successione, apparenze puntualmente ingannevoli, sparatorie d’azione e sequenze da spy story, accompagnate tutte da consistenti dosi di souspance dovute anche allo spessore morale delle tematiche sfiorate (l’olocausto, i sopravvissuti, la memoria…). Un capolavoro originale e sorprendente nelle sue inattese sfumature noir.

vota_star_50
{tab=Scheda tecnica}
Regista: P. Verhoeven
Anno di produzione: 2006
Produzione: Gran Bretagna, Germania, Belgio
Durata: 135 minuti

{tab=Curiosità}

Non ci sono curiosità

{tab=Riconoscimenti}
Non ci sono riconoscimenti

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.