Stampa
Categoria principale: Articoli
Categoria: Pillole di Film
Visite: 3227

 

{tab=Recensione}
locandinaNon è il primo film, né sarà l’ultimo, a parlare di mafia siciliana.
Non è il primo film, né sarà l’ultimo, a parlare di mafia siciliana vista e vissuta da chi nell’organizzazione di Cosa Nostra c’è dentro.
Di chi cresce mangiando pane e criminalità familiare, portando con sé le gioie e i dolori (il dolce e l’amaro quindi) di una vita bevuta in una sorsata e sputata violentemente.
Luigi Lo Cascio – ovvero il protagonista Saro Scordia – è ottimo interprete di questo film, accanto al burattinaio boss mafioso Gaetano Butera – ovvero Renato Carpentieri, meglio conosciuto come il Commissario televisivo de “La Squadra” – che supera a pieni voti la prova di un ruolo certamente non suo (la cadenza siciliana, la parte del “cattivo”).
Sceneggiatura a tratti interessante, come la rapina in banca in siciliano incomprensibile da chi siciliano non è o da chi non ne sa parlare, o come l’attesa per il finale agrodolce, chiedendosi: “Di che morte morirà il protagonista?”

vota_star_30
{tab=Scheda tecnica}
Regista: A. Porporati
Anno di produzione: 2007
Produzione: Italia
Durata:  98 minuti

{tab=Curiosità}

Non ci sono curiosità

{tab=Riconoscimenti}
Non ci sono riconoscimenti

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.