Iscriviti alla Newsletter di MenteSociale!

Email

Il tuo nome:


Quando si parla di maternità, gravidanza, allattamento, nascita, si entra subito nel loop del tutto perfetto e della felicità allo stato puro. Certo la nascita di un bambino rappresenta sicuramente qualcosa di bello, l’inizio di qualcosa, la speranza, la possibilità… ma non bisogna scordare che porta con sé anche molti dubbi, preoccupazioni, paure e che non sempre la gravidanza è stata desiderata o che non tutti i genitori hanno situazioni socio-economiche serene e stabili. L'articolo esplora quindi le tipiche frasi che vengono dette quando si diventa madri per la prima volta. 

Infatti, in questo periodo storico soprattutto, gli aspetti socio ambientali hanno un peso importante nelle reazioni e nelle situazioni che si vengono a creare intorno ad una gravidanza e ad una nascita.

 

Con questo articolo vogliamo quindi sfatare alcuni dei falsi miti che ruotano intorno alla maternità, un po’ per legittimare anche sentimenti negativi un po’ per informare e perché no per farci qualche risata!

  1. TUTTE LE DONNE HANNO L’ISTINTO MATERNO

Non è vero..l’istinto materno non esiste! E' qualcosa che si sono inventati in passato per “giustificare” il pensiero che le donne dovessero fare i figli e non dedicarsi al lavoro! Essere madri, e padri, è un ruolo che si apprende con il tempo, ogni giorno, nel rapporto con il proprio figlio; è proprio in questo rapporto che si impara a conoscere l’altro e a conoscere la propria capacità/modalità di rispondere alle richieste sia affettive che pratiche.

 

  1. LA GRAVIDANZA E’ LA FASE PIU’ BELLA DELLA VITA DI UNA DONNA

Se per voi è bello vomitare dalla mattina alla sera, avere le tette gonfie e tese come corde di violino, non riuscire ad allacciarsi le scarpe, dormire solo sul fianco sinistro, avere qualcuno che ti si punta su tutti gli organi dell’addome, scalcia, si gira e ti preme sulla vescica con conseguente passaggio al bagno ogni 5min… beh parliamone?! Ora non voglio assolutamente dire che non sia bello e gratificante e che siano delle sensazioni assolutamente speciali ma definirlo il periodo più bello della vita mi sembra eccessivo…tanto quanto si gonfiano i piedi!!!!

  1. LA CACCA DEI BAMBINI E’ SANTA

La cacca dei bambini è cacca tanto quanto quella degli adulti…puzza e fa schifo, soprattutto quando esce dal pannolino e la ritrovi anche sui capelli! Quando sono neonati è meno ma è più liquida quando crescono è più solida ma aumenta in quantità e se ci aggiungiamo che solitamente dai 6 mesi in poi la maggior parte dei bambini non vuole farsi cambiare il pannolino, ogni cacca diventa un incontro di giochi senza frontiere in cui devi lottare senza cadere nel fango!

  1. QUANDO ALLATTI PROVI UNA SENSAZIONE BELLISSIMA

Ok ci sto.. ma diciamo sinceramente non da subito! Il primo mese di allattamento è tutto un “AHIA!” che si attacchi bene, male, seduto, sdraiato, da rugby, o qualsiasi altro sport venga in mente l’inizio dell’allattamento è faticoso e doloroso sia fisicamente che psicologicamente. Fino a che sia mamma che bambino non trovano il loro feeling e soprattutto non si abitua il capezzolo non è proprio così fantastico!

  1. L’ALLATTAMENTO E’ NATURALE

Io vi giuro che non ho mai provato a fare qualcosa di meno naturale! Che il neonato abbia il riflesso di suzione e che in maniera naturale cerchi il seno per nutrirsi è sacrosanto ma non per tutte le donne è altrettanto smart il tutto. Mi ricordo che all’inizio mi dicevano tieni il bambino così e poi controlla che abbia aperto bene la bocca, guarda il labbro, il braccio dietro, occhio al collo, non girato..c’è tutto il capezzolo in bocca???? Oddio non lo so..altro che ansia da prestazione, neanche all’esame di maturità sudavo così tanto!

Si impara questo si, con pazienza e calma (se possibile, visti gli ormoni) sia mamma che bambino imparano a conoscersi e a capire qual è il loro modo di nutrirsi l’un l’altro attraverso l’allattamento.

  1. DOPO IL PARTO NON TI IMPORTERA’ DEI CHILI IN PIU’

Falso, falsissimo, falsissimissimo! Se durante la gravidanza si accetta abbastanza serenamente i cambiamenti del proprio corpo proprio perché si porta in grembo il proprio figlio, dopo non si riesce più a trovare così facilmente una giustificazione. Se in più ci aggiungiamo una oggettiva difficoltà nel dedicare del tempo alla propria persona è molto complicato riuscire a dirsi come sono bella! Anche qui è sicuramente importante darsi tempo ma soprattutto che chi ci è accanto ci sostenga emotivamente e psicologicamente senza farci sentire in difetto… Però almeno le scarpe riusciamo a riallacciarle!!!!

 

Avere un figlio è un evento straordinario, nel vero senso della parola, perché è fuori dall’ordinario: trasforma completamente le priorità e la quotidianità di entrambi i genitori. Come tutti gli eventi straordinari comporta una serie di cambiamenti e di trambusti a cui bisogna far fronte per potersi poi ritrovare nuovamente in un mare calmo, diverso, nuovo, mai navigato prima ma in cui non si è mai soli.

E adesso tocca a voi..quali falsi miti vi vengono in mente o vi hanno detto di frequente? 

 

L'articolo è stato scritto da...

DR.SSA GIULIA SPURIO
Psicologa Psicoterapeuta ad orientamento sistemico relazionale

A MenteSociale è responsabile dello Sportello Nascita e dei Servizi alla persona, in particolare del Sostegno Genitorialità.

Si occupa infine dei corsi Coding per bambini organizzati dall'associazione. 

 

 

Pin It

Per contattarci o venirci a trovare...

MenteSociale è un ente del terzo settore (CF: 97992540589) e ci occupiamo del benessere psicologico della persona, la coppia, la famiglia
Indirizzo dello studio: Ci troviamo a Roma, nel quartiere di Centocelle, in Via dei Castani 170
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 5, numerose linee di bus
Email:
info@mentesociale.it  Telefono: 0664014427

ideaPer prenotarsi, prendere un appuntamento o chiedere informazioni vi ricordiamo che
MenteSociale è aperta al pubblico nei seguenti giorni e orari:
dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00. Il martedì anche dalle 16.00 alle 19.00

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.