Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

Privacy e Termini di Utilizzo

diventa fan

lettera DLa mia ragazza di 23 anni (con la quale sto da 1 anno) mi ha confessato che da un paio di anni, con interruzioni di alcuni mesi, si masturba quasi quotidianamente, vedendo foto, video, o racconti porno. Le è capitato di guardare o leggere cose erotiche anche a lavoro, in un luogo pubblico, e per masturbarsi si recava nel bagno dell'ufficio; masturbarsi nel bagno dell'ufficio è durato per 7-8 mesi, anche se con alcuni intervalli. Cosa posso fare? è molto grave? prima di un aiuto di un professionista cosa si potrebbe provare? (Giuseppe)

Risponde la dr.ssa Laura Catalli:
lettera RSi potrebbe provare a parlare ed a comunicare queste tue titubanze su una possibile gravità della sua situazione. Si potrebbe cercare di capire quali sono le sue emozioni prima (che la spingono appunto a masturbarsi) e dopo l'autoerotismo (che la spingono a ripetere il comportamento sessuale). Si potrebbe discutere con lei se si trova o sente di essere in un periodo particolarmente difficile, dato che la masturbazione sembra assumere un carattere ripetitivo ed a intervalli di tempo.

Questi aspetti sono importanti se ancora non sono stati affrontati ti suggerisco di farlo.

Ti inviterei anche a riflettere su cosa significa per te masturbarsi, che valore dai a questo comportamento e se lo reputi una risorsa oppure un ostacolo alla vostra vita di coppia; questi elementi potrebbero influenzare la tua preoccupazione dimostrata per la tua ragazza.

Non conoscendo la storia della vostra coppia e ciò che ognuno di voi porta dalla propria, non mi sento di dire se il comportamento masturbatorio in  questo caso sia grave o meno, una domanda questa che potrebbe trovare il giusto spazio all'interno di un percorso psicosessuologico che potresti intraprendere.

Risposta:
Si potrebbe provare a parlare ed a comunicare queste tue titubanze su una possibile gravità della sua situazione. Si potrebbe cercare di capire quali sono le sue emozioni prima (che la spingono appunto a masturbarsi) e dopo l'autoerotismo (che la spingono a ripetere il comportamento sessuale). Si potrebbe discutere con lei se si trova o sente di essere in un periodo particolarmente difficile, dato che la masturbazione ha degli intervalli di tempo.
Questi aspetti sono importanti se ancora non sono stati affrontati ti suggerisco di farlo. Ti inviterei anche a riflettere su cosa significa per te masturbarsi, che valore dai a questo comportamento e se lo reputi una risorsa oppure un ostacolo alla vostra vita di coppia; questi elementi potrebbero influenzare la tua preoccupazione dimostrata per la tua ragazza. Successivamente ti suggerisco di rivolgervi ad un sessuologo che potrebbe aiutarti a rispondere alle domande che poni e che non mi sento di rispondere dato che non conosco la storia di vita di questa ragazza, della tua, della vostra coppia.

 

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 17.00 alle 20.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00 
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.