mentesociale
Psicologia

Articoli di Psicologia, Speciale Capire il mio problema psicologico, Speciale Psicoterapia, Speciale Scuola...

Criminologia

Articoli di Criminologia, Speciale Stalking, Speciale Minori ...

Sessuologia

Articoli di Sessuologia, Speciale capire il mio problema sessuale...

Sociologia

Articoli di Sociologia, Ambiente ed Ecologia, Riflessioni su tematiche attuali...

Aiuto online

Aiuto online psicologico, sessuologico, legale

Questo mese...

Eutanasia passiva. Tra zone d'ombra ed incertezze applicative

 

Il quadro normativo italiano e la cornice di comportamento delineata dal codice deontologico sembrano non lasciare alcuno spazio di liceità all’eutanasia, la “morte dolce, buona”, come recita l’etimologia della parola. Il codice penale, infatti, pur non prevedendo una norma determinata per il caso specifico dell’eutanasia, la considera reato e applica la disciplina prevista per l’omicidio comune – quando la persona abbia cagionato la morte del malato senza che questi glielo avesse chiesto - o comunque per i reati meno grave dell’aiuto al suicidio o dell’omicidio del consenziente - quando il soggetto abbia agito su richiesta del malato.-
Ma facciamo un passo indietro per definire due diverse tipologie di “dolce morte”: l’eutanasia attiva e quella passiva che a loro volta si differenziano in consensuale e non consensuale a seconda che il malato abbia oppure no richiesto l’intervento di un terzo. Il consenso del malato è il cardine di tutta la delicata materia dato che, come si è rilevato, in sua assenza il reato è quello di omicidio volontario.
L’eutanasia attiva consiste in una condotta attuata per procurare la morte di malati incurabili, terminali o in agonia: si tratta di un aiuto a morire, ad esempio somministrando una sostanza letale. Ma proprio perché i processi vitali del paziente, anche se compromessi, sono sussistenti, si tratta di un’uccisione, seppur pietosa, e in quanto tale costituisce reato sia se il soggetto che abbia cagionato la morte abbia agito di sua spontanea volontà, sia nel caso in cui abbia agito su espressa richiesta del malato.
L’eutanasia passiva, invece, consiste in un’omissione di terapia nei confronti di un malato terminale e si distingue anch’essa in non consensuale e consensuale.
La prima rientra nella fattispecie dell’omicidio poiché, come recita il codice penale, “non impedire un evento che si aveva l’obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo”.
Per quanto riguarda il trattamento dell’eutanasia passiva consensuale, invece, nel silenzio della legislazione vigente, sorgono non poche questioni riguardanti la liceità, liceità che una parte della dottrina nega totalmente e che altra parte ammette seppur entro confini non poco problematici.
Diritto di morire?
Al centro della trattazione dell’eutanasia passiva consensuale vi è la scelta di un malato giunto alla fase terminale della propria vita, che, per porre fine alle proprie sofferenze, dichiara di non voler ostacolare il corso della morte e di rinunciare alla terapia che ne assicura il mantenimento in vita.
Per la dottrina più rigorista la sospensione delle cure da parte del personale sanitario costituisce un’omissione penalmente rilevante anche nel caso in cui tale astensione consegua alla rinuncia da parte del paziente della terapia che lo mantiene in vita, dato che secondo la disciplina vigente l’uomo non può disporre della propria esistenza .
Coloro che invece asseriscono la liceità dell’eutanasia passiva consensuale partendo dall’assunto che la cura, essendo svolta nell’interesse del paziente, possa essere da questi rifiutata lasciando che la malattia faccia il suo corso, concludono che l’uomo gode del diritto di non curarsi, garantito dalla Costituzione come principio di autodeterminazione terapeutica e che si esprime attraverso una richiesta consapevole ed informata .
Da ciò deriverebbe che la volontà del malato terminale di rinunciare alle cure esclude il dovere di agire del medico: in questo caso non si tratterebbe di omissione omicida, ma del limite all’obbligo di somministrare la terapia da parte del personale sanitario, determinato ad evitare l’accanimento terapeutico.
Di fatto però, al di là delle teorie della dottrina, l’eutanasia passiva, fatta eccezione per i casi di coma irreversibile e morte cerebrale, non viene contemplata dalla legge e viene considerata dal codice penale un illecito anche quando segue un’espressa manifestazione di volontà del malato terminale.
La morte cerebrale
L’unico caso in cui viene considerata lecita la sospensione delle terapie e del trattamento con macchinari che consentono il mantenimento del soggetto in vita è quello in cui il malato versi in una condizione di incoscienza irreversibile, cioè di uno stato vegetativo permanente: in un simile caso, infatti “la macchina non è più al servizio della vita biologica, ma è la vita biologica ad essere un prodotto della macchina” .
E in questi casi “staccare la spina” non rappresenta un reato ma il riconoscimento di un dato di fatto, perché il paziente è clinicamente morto .
Invece nel caso in cui lo stato di incoscienza del paziente sia grave, ma non irreversibile, il dovere di curare del sanitario non subisce modificazioni: anche di fronte ad un coma profondo, nel momento in cui non si possa escludere una possibile ripresa del paziente, il medico deve prodigarsi in funzione di essa.
Si legge infatti nel codice deontologico medico che, “trattandosi di malato in condizione di coma il sostegno vitale dovrà essere mantenuto sino a quando non sia accertata la morte nei modi e nei tempi stabiliti dalla legge”.
A tal proposito, la legge n. 578 del 1993 ha identificato la morte con la cessazione irreversibile di tutte le funzioni dell’encefalo. L’accertamento della morte cerebrale segna il limite del trattamento terapeutico: solo dopo il verificarsi di essa, cessa di gravare sul medico l’obbligo giuridico di prestare le cure e potranno essere disattivati eventuali sostegni vitali, senza che tale omissione sia considerata penalmente rilevante.
Il testamento in vita
Il confine dei doveri del medico appare ancor meno definito nel caso in cui il paziente, avendo in precedenza consapevolmente rifiutato le cure, si trovi ora in una fase di incoscienza che privi di attualità la precedente rinuncia.
La dottrina prevalente afferma come nel caso di un paziente incosciente gravi sul personale sanitario l’obbligo di procedere a quegli interventi urgenti e necessari al suo mantenimento in vita, prescindendo in tal modo da un precedente rifiuto di farsi curare manifestato dal malato, che andrebbe così a perdere validità .
Un modo per evitare che la propria scelta venga così aggirata può ravvisarsi nella possibilità per il malato di redigere, nel pieno possesso delle sue facoltà, una dichiarazione scritta indirizzata tanto ai medici che ai familiari che disponga le volontà dell’individuo in merito alle cure che desidera ricevere e a quelle che vuole rifiutare, nel caso in cui si venga a trovare in stato di incoscienza o nella condizione di malato terminale.
Tale dichiarazione, denominata “living will” (testamento in vita) ha aperto un ennesimo dibattito poiché è stato contestato il fatto che, riferendosi ad una circostanza futura e astratta, non assicura un’effettiva corrispondenza tra le dichiarazioni in esso riportate e la decisione che il suo autore avrebbe preso nel momento della situazione concreta.
E così anche questa carta di autodeterminazione è in attesa di una specifica regolamentazione che ne tracci le linee guida.
L'intervento riformatore
Un possibile intervento riformatore se da una parte escluderebbe l’eutanasia non consensuale, attiva o passiva, che continuerebbe ad essere considerata omicidio volontario (anche se in particolari casi attenuato in ragione dei motivi pietosi che spingono l’agente), dall’altra parte, per quanto riguarda l’eutanasia consensuale, potrebbe proporre una norma specifica che, considerando i moventi altruistici dell’agente, i mezzi indolori da esso utilizzati, l’attestata incurabilità della malattia e la presenza di una valida richiesta da parte del paziente, si differenzi dall’omicidio del consenziente e preveda un trattamento sanzionatorio adeguato.
In un dibattito etico che non accenna ad attenuarsi e che spazia dall’autodeterminazione del malato all’accanimento terapeutico, la regolamentazione non deve essere vista come una possibile introduzione del principio di liceità dell’eutanasia ma, al contrario, un modo per trattarne tutti gli aspetti, compresi i casi-limite, escludendo ogni incertezza applicativa.
{rt}

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Contatta lo Psicologo

Newsletter

Vuoi essere aggiornato ogni mese sugli articoli e le novità di MenteSociale?
Iscriviti alla newsletter!

Pensieri d'autore

 

...Conta di più chi ti conosce di chi conosci tu.
I viaggi solo se all'estero,
l'appartenenza a un che, ma senza perchè.
Onorificenze senza motivazione.
Scrivi come se non parlassi mai con te stesso
e ti evitassi.

 

Wislawa Szymborka, "Scrivere il curriculum", 20121256671210_start-here-gnome-pink

 

 

...Ma l'ansietà di un nuovo stato, o forse il nervosismo che le causava la presenza di quell'uomo, erano bastati a convincerla che fosse finalmente sua quella meravigliosa passione fino ad allora vaga e planante nel fulgore dei cieli poetici come un grande uccello dalle piume rosate; e adesso non poteva capacitarsi che la calma in cui viveva fosse la felicità tanto sognata.
Flaubert in "Madame Bovary", Mondadori, 2009
1256671210_start-here-gnome-pink

 

Caro amico - mi aveva detto due giorni appresso - sia Charcot sia i nostri due di Rochefort, invece di analizzare il vissuto dei loro soggetti e chiedersi che cosa voglia dire avere due coscienze, si stanno a preoccupare se si possa agire su di loro con l'ipnotismo o con le barre di metallo...
U. Eco in "Il cimitero di Praga", Bompiani, 2010
 
 
1256671210_start-here-gnome-pink

 

 

...I ammiro soprattutto l'inevitabilità di una sequenza
che si fissa come un fotogramma nell'eternità, un effetto
a rallentatore dello svolgersi del destino.

E. Berselli in "Il più mancino dei tiri", Il mulino, 1995
1256671210_start-here-gnome-pink

...La vita è così, è piena di parole che non valgono la pena,
oppure la valevano e non la valgono più,
ognuna di quelle che pronunceremo toglierà il posto a un'altra più meritevole,
che lo sarebbe non tanto di per sè quanto per le conseguenze di averla detta ....

J. Saramago in "La caverna", ET Einaudi,  2000
1256671210_start-here-gnome-pink

..."A volte le cose più reali succedono solo nell'immaginazione, Oscar" disse lei.
"Ricordiamo solo quello che non è mai accaduto"...

C. R. Zafòn in "Marina", Mondadori,  2009
1256671210_start-here-gnome-pink

...E'tipico dell'amore rendere inesistenti le persone amate, e obbligare le persone che le amano a dimostrare continuamente che esistono.
Perchè quando uno si innamora non è mica tanto convinto che quello che gli sta succedendo sia vero.
Gli innamorati sospettano della realtà, tengono gli occhi sempre aperti: è per questo che dormono pochissimo.
Quando ricevono la telefonata che aspettano da ore praticamente parlano coi fantasmi.
Se vi capita, come a me adesso, di ricominciare a respirare normalmente quando sentite la voce del fantasma, cominciate a preoccuparvi.

D. De Silva in "non avevo capito niente", Einaudi, 2007
1256671210_start-here-gnome-pink

...Una lettera non dice quello che vuole dire solo con la scrittura.
Si può leggere la lettera anche annusandola, toccandola,
palpandola, proprio come un libro.
Perciò le persone intelligenti dicono: leggi, vediamo cosa dice la lettera.
Le persone stupide invece dicono: leggi, vediamo cosa scrive.
L'abilità sta nel leggere tutta la lettera, non solo il testo".

O. Pamuk in "Il mio nome è rosso", Einaudi,  20051256671210_start-here-gnome-pink

...Nella vita uno non porta scritto sul viso i sentimenti che sta provando;
io sono un regista e cerco di esporre al pubblico lo stato d'animo di questa donna
unicamente attraverso i mezzi del cinema [...].
Ora, grazie alla macchina da presa, il pubblico entra a far parte della scena
e bisogna soprattutto evitare che la macchina da presa divenga improvvisamente
distante e obiettiva, altrimenti si distrugge l'emozione che è stata creata".

A. Hicthcock in "Il cinema secondo Hicthcock", di F. Truffaut, 1993
1256671210_start-here-gnome-pink

...Due fette sottili di prosciutto crudo affumicato,
setose e fluide nelle pieghe languide, un pò di burro salato, un pezzo di pagnotta.
Un'overdose di vigorosa morbidezza: improbabile ma squisita. 
Un altro bicchiere dello stesso vino indimenticabile.
Prologo stimolante, incantevole, elettrizzante....

M. Barbery in "Estasi culinarie", Edizioni e/o,  20071256671210_start-here-gnome-pink