Iscriviti alla Newsletter di MenteSociale!

Email

Il tuo nome:


bambinoUn altro anno è appena trascorso e finalmente arrivano le vacanze per milioni di studenti. Nonostante la scuola sia giunta al termine, l’alunno ha davanti a sé oltre al sole, alla spiaggia e al mare, anche il macigno dei compiti delle vacanze!  Ovviamente i ragazzi con difficoltà di apprendimento (DSA) non vanno lasciati a loro stessi. È importante che essi abbiano un tutor, specificatamente formato per questi tipi di problematiche, che li aiuti in questo percorso, sostenendoli nell’organizzazione e nell’approccio al compito. Affrontare un doposcuola specialistico estivo può essere essere estremamente vantaggioso per ripartire a settembre sentendosi più competenti e sicuri! 

Un altro anno è appena trascorso e finalmente arrivano le vacanze per milioni di studenti. Nonostante la scuola sia giunta al termine, l’alunno ha davanti a sé oltre al sole, alla spiaggia e al mare, anche il macigno dei compiti delle vacanze! Questi sono ritenuti dalla maggior parte degli studenti come ingiusti ed inutili e rappresentano solo un ostacolo al loro divertimento estivo.

Ma questo non è vero, in particolar modo per gli studenti con un disturbo specifico dell’apprendimento, che durante l’anno spesso faticano a stare dietro agli impegni extrascolastici, alle interrogazioni e agli esercizi da terminare, con l’unico obiettivo di raggiungere la sufficienza nelle diverse materie, senza però trovare del tempo da dedicare al miglioramento di una difficoltà o allo sviluppo di strategie di apprendimento, che lo rendano maggiormente autonomo nello studio.

Dunque, durante l’estate è indispensabile ritagliare degli spazi da dedicare sia allo svolgimento dei compiti, sia nel contempo all’acquisizione di quei metodi che possono semplificare la vita scolastica dei vostri ragazzi.

Il periodo estivo è un ottimo momento per fare un bilancio dell’anno scolastico vecchio, riflettendo sulle difficoltà che l’alunno ha dovuto fronteggiare, e per porre gli obiettivi per il nuovo, lavorando per abbandonare delle vecchie abitudini, spesso non vantaggiose, che però sono consolidate nel modo in cui questi studenti si approcciano ai compiti. Alle volte, in alcune situazioni, proporre allo studente un cambiamento durante l’anno sarebbe piuttosto arduo, perché ciò genera in lui una forte ansia. Pertanto, sfruttare i compiti estivi per cominciare a conoscere ed utilizzare nuove strategie di studio più efficaci, è una strada altamente consigliabile.

Ci sono due estati particolari che di solito i ragazzi attendono con ansia, ovvero quella tra la fine della scuola primaria e l’inizio della scuola secondaria di primo grado, e quella tra la fine di quest’ultima e l’inizio delle superiori: per i ragazzi rappresentano le estati senza compiti!

In realtà sono i periodi più importanti e preziosi, sia perché danno la possibilità di riflettere su quali competenze siano già state acquisite, sulle fragilità, sugli aspetti in cui ci si sente pronti, sulle proprie aspettative rispetto alla nuova scuola, sui dubbi e sulle paure, sia perché permettono di recuperare eventuali lacune e di concentrarsi sull’acquisizione di un efficace metodo di studio in tutta tranquillità senza l’incombenza di dover finire tutti i compiti per le vacanze.

Questo lavoro risulta particolarmente importante soprattutto per quei bambini/ragazzi molto ansiosi, per i quali il passaggio in una nuova scuola e in un ambiente completamente diverso crea una situazione parecchio stressante, che li porta a sentirsi disorientati e impotenti.

Ovviamente i ragazzi con difficoltà di apprendimento non vanno lasciati a loro stessi. È importante che essi abbiano un tutor, specificatamente formato per questi tipi di problematiche, che li aiuti in questo percorso, sostenendoli nell’organizzazione e nell’approccio al compito.

Certamente non si può dire che i compiti siano piacevoli, perché sarebbe una bugia, dato l’impegno e lo sforzo che ogni alunno impiega nello studio; ma se vengono create le giuste condizioni per sfidare i compiti con obiettivi precisi e stimolanti, regolando e tarando i compiti sulle specifiche difficoltà e risorse dello studente, quest’ultimo può imparare a percepirli come utili e non solo come una pratica noiosa e pesante!

In sintesi, credo che affrontare un doposcuola specialistico estivo possa essere estremamente vantaggioso per ripartire a settembre sentendosi più competenti e sicuri! 

scrivereL'articolo è stato scritto dalla dr.ssa Lara Scotto di Vetta
Psicologa dello sviluppo e psicodiagnosta, membro dello Staff di MenteSociale, si occupa di valutazione e riabilitazione dei dsa e adhd.

 

doposcuola dsa adhd

 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

MenteSociale

studio mix

MenteSociale è una associazione di promozione sociale (CF: 97992540589)

Indirizzo dello studio:
Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 5, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI PER CHIEDERE INFO O PRENOTARE UN APPUNTAMENTO:
Dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 13.00 potete venirci a trovare a studio oppure chiamarci!
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.